Tutti possiamo correre il rischio di essere felici

   

 

Questo è il lavoro di una ragazza molto , molto in gamba che si è messa alla prova, si tratta di un esercizio potentissimo che unisce l'uso di EFT (scritto), IEP (Processo Energetico basato sull'Intento Steve Wells) e le magiche domande di Byron Katie:

1) E' vero'

2) E' assolutamente vero?

3) Cosa mi succede, come mi sento e cosa sente il mio corpo quando penso che è vero?

4) Come sarebbe, se tutto questo non esistesse?

Un esercizio consigliatissimo nei nostri percorsi, che come si può vedere dalle foto, è in grado di trasformare i nostri pensieri e ciò che sentiamo, possiamo cambiare la percezione di noi stessi e di ciò che ci circonda , nel giro di pochissimo tempo.

 Si può applicare a qualsiasi pensiero ci affligga, a qualsiasi nostra credenza. Rilasciando l'attaccamento emotivo ad ogni "pensiero disturbante" appunto, otterremo dei grandi benefici in maniera velocissima, le emozioni cambiano, i pensieri si trasformano e le credenze crollano!

 "Un pensiero è innocuo finchè non ci crediamo. Non sono i nostri pensieri, ma l'attaccamento ai nostri pensieri, che causa sofferenza" Byron Katie

"Dietro ogni sensazione sgradevole c'è un pensiero che per noi non è vero - Abbiamo un pensiero in conflitto con la realtà, poi proviamo una sensazione stressante e poi agiamo in base a questa sensazione, creandoci da soli ancora più stress-O ti attacchi ai tuoi pensieri o li indaghi. Non c'è altra scelta" Byron Katie

Sarah ha trentacinque anni, soffre di ARTRITE REUMATOIDE ed è IPOVEDENTE da quando era solo una ragazzina.

Facciamo il nostro primo incontro di EFT, e dopo due chiacchiere conoscitive, iniziamo a lavorare solo sulla paura della cecità.

Inizio a lavorare con Sarah, e la paura di non vedere più, è abbastanza alta, su una scala da zero a dieci è sette. Subito dopo averla “misurata”, visualizza la sua paura nel cuore, come un flash rosso. Facciamo solo un giro di picchiettamento (tapping) sui punti e la paura cambia forma, diventa una sfera, come un arancio, però aumenta, e sulla scala da zero a dieci, diventa otto.

Facciamo ancora un po’ di tapping, e questa volta chiedo a Sarah : “Se questa paura fosse un animale, che animale sarebbe?” Risposta: “un Serpente, un cobra gonfio, in allerta.”

Davide ha cinque anni, un ritardo nella parola e DORME ANCORA CON MAMMA e PAPA’!

Ci incontriamo per giocare un po’, gli chiedo di portare con sé il suo pupazzo più coraggioso e quello più pauroso. Davide porta anche pennarelli e fogli per disegnare. Il nostro incontro è durato solo mezz’ora.

Chiedo a Davide di raccontarmi se ha paura di qualcosa e lui mi dice che non ha paura di niente, lo vedo molto agitato e tende ad urlare mentre gioca, così gli domando cosa fa quando si arrabbia. E a quel punto Davide urla con tutto il suo impegno per farmi capire bene!

Gli chiedo se ha voglia di fare un quadro e di disegnare il suo urlo! Entusiasta disegna un forte urlo blu e rosso, sfogando una forza bruta nei pennarelli!!! Dopo aver dipinto, si sente triste e fa un altro bel quadro di Davide triste perché ha urlato.

Vi ricordate Davide? Il mio nuovo amichetto di cinque anni? Ecco...ci siamo incontrati un paio di volte dopo circa venti giorni. Dopo i saluti di rito, mi ha chiesto di "picchiettarlo" ! Gli ho detto che purtroppo non avevo molto tempo, ma che potevamo fare EFT per dieci minuti! Bene...Iniziamo, è molto soddisfatto perchè dorme da solo ormai, nella sua camera con l'Uomo Ragno ed è al sicuro con tutti i suoi Super-Eroi, gli chiedo se sa che ogni volta che fa EFT diventa più grande di "tanto così". Lo sa, e quindi facciamo una cosa da grande: dopo pochi giri di EFT Davide che ha davvero difficoltà a scandire le lettere, impara a dire senza fatica la EFFE e la BI! Così, alla fine dei nostri dieci minuti può dire tutto il mio nome per intero!
La seconda volta che ci incontriamo invece, mentre lo picchietto PRIMA DELLA NANNA nel suo letto,decidiamo di scegliere almeno DUE cose da bambini grandi, risultato: Davide sa dire tutto l'alfabeto benissimo, senza fatica....solo qualche perplessità ancora sulla ERRE e sulla ESSE! 
E poi SCEGLIE di imparare a fare la PIPI' da solo di notte.... Dopo pochi giri di EFT capisce che il suo ostacolo è andare al bagno al buio, ha un po' di paura! Basta qualche picchiettamento ancora e mi chiede di andare a prendergli una luce dell'Uomo Ragno nell'altra stanza...con quella si sente più sicuro, e decide che è la cosa giusta per imparare ad alzarsi da solo di notte!!!! 
Complimeti Davide!

Pagina 2 di 2